Questa pagina è dedicata a voi, alle vostre storie e alle vostre emozioni!

Nello sport viviamo, momento per momento, e azione per azione, moltissime emozioni e di ogni tipo, piacevoli e meno piacevoli. La voglia di viverle e di esprimerle ci attrae sempre di più allo sport e ci permette di ricercarne di nuove, ponendoci obiettivi sempre più sfidanti e stimolanti.

La condivisione, la competizione, la sfida con noi stessi, le relazioni, la passione, il divertimento, lo scoprirsi e il conoscersi e ancora tante altre, sono le motivazioni che ci spingono a vivere di sport e di emozioni. Riusciamo, così, ad esprimere attraverso il corpo il nostro vissuto interiore, qualsiasi esso sia, di rabbia, di felicità, di frustrazione, di stupore ecc…

Le emozioni entrano in gioco in ogni esperienza caratterizzando il nostro vissuto proprio per la particolarità delle valutazioni positive e negative che effettuiamo a seguito si stimolazioni esterne ed interne, e attivano diversi processi fisici e psicologici.

Emozioni

Nella memoria risiedono gran parte di queste esperienze. A volte le raccontiamo, a volte le custodiamo intimamente, a volte non abbiamo le parole per esprimere cosa abbiamo provato ma le ricordiamo molto bene.

Raccontare la propria esperienza ha degli effetti benefici di per sé, infatti nel momento stesso in cui si danno parole alle esperienze, queste stesse prendono forma e diventano molto più chiare e presenti in noi, richiamano le stesse sensazioni ed emozioni che il vissuto stesso ha implicato nel momento in cui l’abbiamo esperito.

Inoltre, chi ascolta/legge queste testimonianze riesce a rivivere e a comprendere quanto stiamo narrando, immedesimandosi nella nostra persona. Questo meccanismo è spiegabile poiché ognuno di noi possiede capacità empatiche in diversi gradi. La condivisione di queste storie, quindi, oltre che beneficiare chi le racconta, offre opportunità di benessere, emozionandosi, anche a chi ascolta/legge.

E chi invece non ha mai provato le stesse emozioni o non si è mai trovato in quella stessa situazione? Anche loro, che all’apparenza sembrerebbero esclusi da questo circolo virtuoso, avranno la possibilità di scoprire nuove esperienze senza neanche provarle e, in questo modo, essere già predisposti a provarle.

C’è anche chi sa di aver sperimentato qualcosa di particolare, positivo o negativo che sia, ma non riesce a dare loro un nome o a conferirne la causa. Le narrazioni di storie personali riusciranno a chiarire i pensieri anche a questa categoria di persone.

L’idea di questa pagina ha dunque gli obiettivi sottoelencati:

  • Offrire opportunità di benessere;
  • Allenarci a dare un nome a quello che ci accade;
  • Sperimentare nuove emozioni e nuove esperienze attraverso le narrazioni;
  • Condividere le nostre esperienze;
  • Allenarsi ad immedesimarsi negli altri;
  • Distinguere le emozioni positive e negative che caratterizzano i nostri vissuti;
  • Aumentare la propria consapevolezza;
  • Gestire le proprie emozioni in modo funzionale per la performance sportiva;
  • Emozionarci.

In che modo?

Mandateci le vostre storie e diteci cosa avete fatto e come vi siete sentiti (vi aiuterà moltissimo e aiuterete anche altre persone) e noi le pubblicheremo con i vostri nomi o anche in forma anonima se preferite.

Le emozioni muoiono dalla voglia di essere espresse e non represse, anche quelle negative! Le emozioni non ci rendono deboli, tutt’altro. Quando riusciamo a gestirle in modo ottimale per noi costituiscono la vera benzina.  Le emozioni permettono di cambiare il modo di vivere il nostro sport e le relazioni con le persone che di esso sono parte.

Vi invitiamo a farlo, è un bel giochino per tutti, per chi scrive, per chi legge, per chi si ritrova in ciò che legge e per chi per curiosità vorrà sperimentarsi per la prima volta!

Non limitiamo la nostra esperienza espandiamola e condividiamola per sentirci, alla fine, tutti accumunati da esperienze sportive, umane ed emotive.

Vi diamo un piccolo aiutino elencandovi una serie di emozioni:

Gioia, paura, disprezzo, disgusto, sorpresa, tristezza, noia, entusiasmo, imbarazzo, delusione, rabbia, ira, vergogna, collera, felicita’, risentimento, angoscia, stupore, irrequietezza, amarezza, meraviglia, incredulita’, sbalordimento, pudore, smarrimento, terrore, timore, malinconia, nostalgia, costernazione, sbigottimento, invidia, fastidio, inquietudine, coinvolgimento, tenerezza, orrore, commozione, compassione, disappunto, annichilimento, desolazione, sollievo.

Allungate questo elenco con le vostre esperienze!

Inviateci le vostre narrazioni alle nostre email:

greta.pepi@docmind.org

erica.negro@docmind.org

psicologiadellosport@docmind.org