Personalità autoteliche e propensione al flow

2
Italy's Cagnotto performs a dive at the women's 1m springboard preliminary during the World Swimming Championships in Barcelona

L’importanza di questo studio è determinata dall’interazione esistente tra componenti del flow e tratti di personalità; infatti, alcuni tratti di personalità rimandano a qualche componente del flow, e viceversa. Le numerose associazioni possibili tra tratti di personalità e dimensioni del flow possono dare luogo a innumerevoli vissuti differenti di flow, non prescindendo in alcun caso dal riferirsi a una personalità che propende al flow, ma sottolineando l’importanza delle differenze individuali in termini di esperienza (Ross & Keiser, 2014).

Sono state indagate le caratteristiche che permettono di predire una personalità autotelica, determinante per sperimentare alti livelli di esperienza ottimale (Ross & Keiser, 2014), attraverso il confronto tra la propensione individuale al flow, misurata con la Dispositional Flow Scale-2 (DFS-2, Jackson & Eklund, 2002), e le caratteristiche dominanti della personalità, rilevate grazie al NEO Personality Inventory-Revised (NEO-PI-R, Costa & McCrae, 1992).

Dagli studi di Johnson (2014) e Ullen (2012) emerge che:

  • il basso livello di tratti di nevroticismo e un alto livello di tratti di coscienziosità sono buoni predittori della propensione al flow;
  • tratti di estroversione e di accondiscendenza sono connessi negativamente a uno stile di personalità autotelico;
  • rispetto all’ accondiscendenza, la correlazione negativa con la personalità autotelica è dettata da compiacenza e modestia; queste componenti ostacolano il processo di creatività e, di conseguenza, quello del flow che, invece, richiede un forte centramento su di sé ed esclude il conformismo per potere prendere forma.
  • una forte correlazione negativa è stata trovata tra l’indugio e la personalità autotelica grazie all’incrocio dei risultati tra tratti di nevroticismo e di coscienziosità in relazione al flow;
  • elementi come l’estroversione, l’assertività e l’attività sono indicative di un maggiore impegno e di una sensibilità verso la ricompensa, quindi predicibili di esperienze ottimali;

Per ogni dimensione di flow esaminata emergono tratti di diverse personalità ad essa associati:

  • obiettivi chiari e perdita di autoconsapevolezza hanno ricevuto forti riferimenti ai tratti di personalità e sono indici di una personalità autotelica, infatti, sono connessi postivamente con tratti di coscienziosità ed estroversione e negativamente con tratti di nevroticismo, accondiscendenza e apertura;
  • destrutturazione del tempo e feedback immediati hanno una relazione più modesta, probabilmente perché sono maggiormente connesse alle opportunità ambientali piuttosto che alle disposizioni personali;
  • alti livelli di attività, di esperienza autotelica e unione tra azione e coscienza implicano un basso sforzo cognitivo che permette di descrivere il flow come assenza di sforzo e attenzione;
  • nonostante l’insita creatività nello stato di flow è emerso che una personalità caratterizzata da estroversione ostacola il flow. Questo dato controverso può essere dovuto al fatto che l’assorbimento sia favorito più da caratteristiche situazionali che disposizionali (Silvia, Kaufamn, Reiter-Palmon & Wigert, 2011).

Greta

About author

2 comments

  1. cesare 1 ottobre, 2015 at 15:03 Rispondi

    Ciao, trovo molto interessante la tematica del flow e per predisposizione personale e professionale credo che gli aspetti di personalità connessi a tale costrutto siano un ambito di studio particolarmente bello. Per questa ragione ho deciso di adottare questo blog nella pagina facebook
    dhttps://www.facebook.com/groups/1559256780995597/permalink/1579702998950975/

    Se siete curiose di conoscere anche il mio blog, ecco l’indirizzo http://www.psichesport.blogspot.it

    • admin 29 ottobre, 2015 at 17:09 Rispondi

      Ciao Cesare, grazie dell’apprezzamento. Continua a seguirci, anche le altre tematiche potranno interessarti.
      Complimenti per il blog, rimaniamo in attesa di leggere i prossimi articoli!

Post a new comment

UYBA-pre-supercoppa-2014-gabriele-alemani

La squadra

Perchè scegliere uno sport di squadra piuttosto che uno individuale? Wood (1976) sostiene che i bisogni che dirigono il comportamento, in particolare all’interno dell’ambito sportivo, ...